24 SETTEMBRE 2022

registrazione dei partecipanti 8:30 - 9:30

SALA LEVI

mattina

9:30 - 10:15

I materiali polimerici: dal petrolio alle fonti rinnovabili.
Marco Sangermano, Prof. Politecnico di Torino (modera G. Casavecchia)

10:15 - 11:00

Il Diritto alla transizione.
Anna Casavecchia, Avv. Studio Weigmann (modera G. Casavecchia)

11:00 - 11.45

Materie prime critiche: il problema (globale) prossimo venturo.

Elio Giamello, Prof. Università di Torino, Dip. di Chimica. (modera G. Casavecchia)

11:45 - 12:45

Il ruolo delle fonti rinnovabili e dell’energia nucleare nella transizione energetica.

Gian Vincenzo Fracastoro e Bruno Panella, proff. Emeriti Politecnico di Torino

(modera G. Casavecchia)

12:45 - 13:30

Siamo tutti GRETA.

Sara Moraca & Elisa Palazzi, autrici di Siamo tutti Greta, Ed. DEDALO (modera G. Casavecchia)

pausa pranzo 13:30 - 14:30

ANFITEATRO

mattina

9:30 - 10:15

T-LEARNING: un nuovo approccio per educare alla transizione.

Andrea Gerbaudo, docente di Lettere e Dottorando Università Studi di Torino Dip. Scienze della Terra. (modera, V. Bestonso)

10:15 - 11:00

Meteo Open Data @ School.

Andrea Piccione, insegnante di fisica e ottica. Formatore dei docenti su didattica della fisica, nuove tecnologie e Intelligenza Artificiale.(modera, V. Bestonso)

11.00 - 11.45

Transizioni energetiche e civiltà: una storia comune.

Alessia Giordana, Ricercatrice Università di Torino, Dipartimento di Chimica. (modera, V. Bestonso)

11.45 - 12:00

L'artigianato digitale come alternativa ecologica all'iper produzione di massa.
Daniela Diletti storica dell'arte, docente IAAD e ideatrice del brand La Marchigiana. Collegamento online da Parigi. (modera, V. Bestonso)

12:00 - 12:15

Le terre rare: un aspetto della transizione ecologica e digitale.
Cecilia Giordano, docente di Chimica IIS Santorre di Santarosa, Torino.

(modera, V. Bestonso)

12:15 - 12:45

STOP MOTION ARPA, "Comunicare il suolo e le sue analisi".
Patrizia Leone, docente di Chimica Gobetti Marchesini Casale Arduino, Torino.

(modera V. Bestonso)

pausa pranzo 13:30 - 14:30

Spazi ACADEMY (Workshop)

mattina

9:00 -10:30

LEGO & Coding per raccontare la sostenibilità.

Elena Sacchi e Silvia Manzione, Training Teacher percorsi educativi LEGO Education, Fondazione ECM

10:45 - 11:45

Un modello per comprendere la realtà: come introdurre la problematica ambientale e suscitare riflessioni sulla sostenibilità.

E. Garneri, C. Tognolli, L. Guandalini, docenti scienze Liceo Cattaneo e Liceo Gioberti

12:00 - 13:00

L'anidride carbonica e l'innalzamento delle temperature.
Attività laboratoriale riproducibile e adattabile ai vari ordini di scuola. Un metodo semplice per divulgare gli effetti delle emissioni di CO2 dovute alle attività umane.

B. Casale, K. Gaglioti, docenti Gobetti Marchesini Casale Arduino.

pausa pranzo 13:30 - 14:30

SALA LEVI

Tavola rotonda

14:30-16:00

pomeriggio

Non è possibile trasmettere informazione scientifica né con il massimo del rigore, né con il massimo della comunicabilità. A qualsiasi evento di comunicazione è inevitabilmente associato sia un errore in termini di rigore che un errore in termini di comunicabilità.

(Pietro Greco, 21 Settembre 2005)


Numeri, formule, stime e dati.

Raccontare la scienza in Italia: attualità, storia e sviluppi futuri.
modera G. Casavecchia

Roberta Fulci
La comunicazione cambia in fretta. Formati, linguaggi e anche contenuti invecchiano velocemente. Vale anche per la scienza, che percepiamo come un distillato di verità? Certamente sì: la comunicazione scientifica si evolve come ogni altra. Vale anche per un mezzo storico che potremmo immaginare ormai maturo e perciò stabile come la radio? Ancora una volta, la risposta è sì. In un'epoca in cui radio e podcast si incontrano sul web e si influenzano profondamente a vicenda, in che direzione si muove la discussione pubblica on air di temi cruciali come la crisi climatica, la pandemia, l'energia?

Sara Moraca
Il potere delle emozioni. Come diversi frame e narrazioni possono cambiare il modo in cui percepiamo la crisi climatica. Una serie di dati dalla letteratura scientifica e "best practices"

Elisa Palazzi
Oltre il riscaldamento globale. In questo intervento si scatterà un foto del clima in cui viviamo, con uno zoom sull'area del Mediterraneo - uno dei principali punti caldi del clima - e sull'Italia. Daremo poi uno sguardo al futuro, per capire quali possibili scenari climatici attenderci e quali azioni di contrasto applicare ora per evitare gli effetti più dannosi domani e per adattarci ai cambiamenti già in corso, cercando di evidenziare i ruolo dei singoli e quello della collettività.

Michele Luzzatto
Quando nel 1957 Paolo Boringhieri fondò la sua casa editrice, la divulgazione scientifica come la conosciamo oggi non esisteva. Il mondo delle lettere, particolarmente in Italia, era diviso tra le “due culture” e lui si era riproposto di costruire un catalogo dedicato all’”umanesimo scientifico” proprio per gettare un ponte tra i diversi aspetti della conoscenza. Oggi quel ponte è solido, nuove generazioni di divulgatori portano in libreria ottimi libri, eppure c’è ancora una notevole distanza da colmare.

Gaetano Capizzi
“For a Green Era”: un auspicio, in un momento in cui la guerra nel cuore dell’Europa ci riporta indietro nel tempo e l’immenso dramma umanitario è destinato ad accompagnarsi a un parallelo dramma ambientale, in termini di devastazione dei territori, inquinamento da armi, brusche retrocessioni della prospettata transizione ecologica. Cosa può comunicare il cinema?

Massimo Temporelli
F***ING Genius e i podcast irriverenti! Le grandi figure che hanno cambiato la nostra evoluzione, la storia dei talenti che hanno incontrato l'ambiente culturale perfetto per poter modificare la traiettoria della nostra cultura e della nostra civiltà. Come possono cambiare la comunicazione della scienza?